Utilizzando questo sito web si sta rispettando la nostra politica di utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni consulta il nostro informativa sulla privacy e utilizzo dei cookie, dove puoi disabilitarli.

OK
it
pt en fr es de
Menu
Whatsapp

Dopo il trapianto di capelli

1º e 2º giorno:

Area ricevente:
Applicare soluzione salina ogni ora.  
Può comparire una lieve infiammazione sulla fronte o nello spazio fra le sopracciglia dovuto all’uso di anestesia locale, che durerá al massimo 3 o 4 giorni.

L’anestesia locale può causare gonfiore sulla fronte, che sparirà in modo naturale in pochi giorni. Dormire con il cuscino in posizione orizzontale, applicare del ghiaccio nella zona e massaggiare la fronte dal centro ai lati per aiutare a diminuire il gonfiore.

Area donante:   
Leggero fastidio solo quando si esercita pressione sulla zona di estrazione. Si inizia a recuperare la sensibilità e sparisce la sensazione di “avere un casco”, prodotta dall’anestesia locale del giorno dell’operazione.  

 

7º giorno:

Area ricevente:
Se c’è stata infiammazione frontale, inizia a sparire. Lieve sensazione di accorciamento (o dimunzione della sensibilità) che può durare dai 10 ai 15 giorni a seconda del numero di unità trapiantate. Si iniza a lavare la testa con uno shampoo, secondo le indicazioni del medico. I follicoli risultano duri al tatto, come una barba di 4 giorni. E non è più necessaria l’applicazione di soluzione salina (sebbene possa continuare ad essere utilizzata secondo le necessità del paziente).

Area donante:   
Indolore. Inizia la sensazione di prurito dovuta alla cicatrizzazione delle piccole ferite ed alla rasatura. Si può applicare una soluzione salina e/o prendere qualche calmante per evitare questo problema. Può comparire un leggero fastidio alla nuca dovuto all’uso dell’anestesia locale in questa zona.

Per evitarlo è ESTREMAMENTE importante che a partire dal 7º giorno si lavi la testa minuziosamente. Il principale obiettivo da tener presente è che nel cuoio capelluto non ci dev’essere pelle morta, questa pelle se ne andrá gradualmente con i lavaggi e a partire dal 12º giorno non ci dovrebbero più essere croste. I lavaggi si dovranno effettuare con maggior vigore (frizioni più forti con i polpastrelli) a partire dall’ 10º giorno.

 

Dalla 1ª a alla 2ª settimana:

Area ricevente:
Fra il 8º ed il 12º giorno scompaiono tutte le croste e le pellicine, rimane solo un leggero arrossamento (che può rimanere fino a 20 giorni a 3 mesi dopo l’intervento)  oltre ai capelli corrispondenti alle unità trapiantate. Si può verificare una leggera esquamazione della pelle durante i primi 30 giorni.

Area donante:   
Le picccole ferite si sono completamente cicatrizzate. I capelli sono cresciuti abbastanza da non rendere visibile l’intervento chirurgico.

 

2ª settimana:  

Area ricevente:
Cuoio capelluto senza croste né pellicine. A volte continua ad esserci un pó d’arrossamento.

Area donante:   
Zona dimenticata, senza nessun segno ed in processo di recupero totale. Nella zona donante è normale che si  manifesti una sensazione di prurito dovuta al processo di cicatrizzazione. Nel caso in cui si manifesti in modo molto intenso, deve contattarci per poter ricevere un trattamento adeguato, se necessario.

 

Da 2 a 8 Settimane:  

Area ricevente:
Fase in cui i capelli trapiantati, entrando nella fase telogen, o di riposo (effluvio in telogen) possono iniziare a cadere, a causa dello shock del trapianto. Ci può essere una perdita del 70%, circa maggiore o minore a seconda della persona. Quando si impianta fra capello e capello, anche le unità preesistenti nel 5% dei casi possono soffrire uno shock (shedding o shock loss) ed entrare nella fase di riposo. È una complicazione temporanea ed in questi casi, comunque la zona si rigenera in un periodo che va dai 3 ai 4 mesi.
Frequentemente alcuni dei nuovi capelli trapiantati cadono fra le prime 2 e 8 settimane dopo l’intervento. Non bisogna preoccuparsi perché è completamente normale. Dopo questa prima caduta del capello, comincia un nuovo ciclo di crescita in cui iniziano a crescere i primi capelli fra il  3º e il 4º mese. 

Area donante:
Continua la fase di recupero. È scomparsa qualsiasi traccia dell’intervento.  

 

Da 2 a 4 mesi:

Area ricevente:
Tappa stazionaria con molte aspettative da parte del paziente. Nella maggioranza dei casi i capelli trapiantati iniziano a crescere fra i 3 mesi e mezzo e i 4 mesi e mezzo. Anche i capelli preesistenti al trapianto che hanno subito un piccolo shedding o shock loss ricominicano a crescere.

Area donante:   
Al 6º mese la zona si è completamente recuperata. E si può valutare se è necesario un secondo intervento.

 

Da 4 a 8 mesi:  

Area ricevente:  
I capelli trapiantati iniziano a crescere, all’inizio come capelli sottili, ma poi iniziano ad aquisire un volume ed uno spessore normali. A partire dal 3º o 4º mese si prescrivono vitamine per i capelli e per le unghie, per evitare carenze.  

 

8 mesi:  

Area ricevente:
Continua la crescita dei capelli trapiantati. Ed in questo momento saremo a circa un 70% dal risultato definitivo.

 

Da 8 a 12 mesi:  

Area ricevente:
I capelli trapiantati continuano a crescere in numero (circa un  20 - 25% per cui il cambiamento, in questa fase, non sará così evidente come fra i 4 e gli 8 mesi) e ad acquisire volume e spessore. Se c’è stato un cambiamento nella struttura nei nuovi capelli, in questo periodo avviene una rigenerazione. Risultato definitivo in un anno.