Utilizzando questo sito web si sta rispettando la nostra politica di utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni consulta il nostro informativa sulla privacy e utilizzo dei cookie, dove puoi disabilitarli.

OK
it
pt en fr es de
Menu
Whatsapp

Alopecia androgenetica (AGA) o calvizie

La perdita dei  capelli è intimamente legata alla genetica ed al metabolismo androgenetico. Di solito si manifesta intorno ai 20-30 anni con un’evoluzione lenta e progressiva.

Rappresenta il 90% della perdida dei capelli. È il tipo più frequente di perdida capillare nei due sessi.

La predisposizione genetica determina le zone specifiche della testa che avranno una maggiore sensibilità all’ormone DHT (Diidrotestosterone).  Quest’ormone si connette con un recettore specifico androgenico che porta alla miniaturizzazine dei capelli nella regione superiore del cuoio capelluto, generando la calvizie.

Esistono trattamenti farmacologici per stabilizzare la calvizie (non impediscono la progressione ma rallentano il processo). Il trattamento consiste nell’inibizione di un enzima  (il 5 alfa reduttasi, del quale esistono 2 subtipi: Tipo I e Tipo II).

Il tipo II è il responsabile della trasformazione del testosterone in diidrotestosterone.

La miniaturizzazione progressiva dei capelli (follicoli piliferi androgenetici sensibili) in aree di influenza androgenetica frontale, parietale e occipitale (zona vertex) negli uomini si chiama MAGA (Alopecia androgenetica maschile).

La stessa miniaturizzazione progressiva dei capelli, ma di carattere ed impatto diffuso nelle donne  si chiama (FAGA – Alopecia androgenetica femminile).

 

Alopecia Androgenetica Maschile | MAGA

La calvizie maschile è senza dubbio una caratteristica che dipende dalla quantità degli androgeni e dalla predisposizione genetica. 

L’influenza androgenetica viene dal codice genetico di carattere poligenetico ereditato da parte paterna, materna o da entrambe. I geni con informazione per la generazione della calvizie sono quelli che hanno il cromosoma X.

I follicoli miniaturizzati diventano dei piccoli capelli che sembrano dei peli, che presentano una pigmentazione ridotta e che diventano invisibili con la morte delle cellule follicolari (apoptosi follicolare)  seguita dalla sparizione completa dei capelli.

La perdida dei capelli nello schema maschile si avverte nell’arretramento della linea dell’attaccatura dei capelli e nella calvizie della zona vertex nel cuoio capelluto. Avanza lentamente ma progressivamente con un risultato finale (calvizie di livello VII), che vede capelli solo nella parte laterale e posteriore del cuoio capelluto.

Alopecia Androgenetica Femminile | FAGA

Anche la perdida dei capelli nello schema femminile (FAGA) si chiama androgenetica, visto che si considera della stessa entità che colpisce gli uomini. La quantità di androgeni nel sesso femminile è minore di quella maschile ed anche la distribuzione della perdida del capello è diversa.

Nelle donne la perdida dei capelli è una caratteristica di iperandrogenetismo con un’ alopecia rapida e progressiva, che di solito è accompaganta da altri segnali come: aumento degli androgeni, irsutismo, amenorrea ed aumento del livello del testosterone, fenomeno da sottoporre a ricerche.

La perdida di capelli nello schema femminile è un processo più diffuso di quello che avviene nella calvizie maschile, con una riduzione della densità capillare nella zona vertex a livello frontale, con conservazione della linea dell’attaccatura dei capelli.

Tanto negli uomini come nelle donne, la calvizie comune è caratterizzata da una diminuzione progressiva della durata della fase anagen e dall’aumento della fase telogen con miniaturizzazione dei follicoli piliferi del cuoio capelluto che indica una direzione finale comune della regressione follicolare.

Il diagnostico delle due manifestazioni si basa sul riconocimiento del quadro maschile o femminile a prima vista. La perdida dei capelli può essere temporanea o permanente, il tricologo dovrá diagnosticare il disturbo e trattarlo secondo la causa. 

Altri fattori che possono causare la calvizie:

  • Malattie Tiroidee
  • Stress
  • Malattie del Sistema Nervoso Centrale
  • Trattamenti farmacologici
  • Alterazioni Ormonali (Síndrome dell’ovaio policistico)
  • Trattamenti con chemioterapia o radioterapia
  • Interventi chirurgici
  • Malattie infettive
  • Carenza nutrizionale per mancanza di vitamine e minerali
  • Tumore alle ovaie
  • Tumori delle ghiandole surrenali
  • Post-Isterectomia
  • Persistenza dell’Adrenarca

Anche se non sempre, la DHEA è elevata e a volte associata alla prolattina, vi è una diminuzione della SHBG (globulina trasportatrice di ormoni sessuali), aumento del glucoronide di 3-a-androstanediol.